Smart&Start Italia sta per ripartire

0 Comments

Con la circolare 439196 pubblicata a fine 2019 dal Ministero dello Sviluppo Economico prende ufficialmente il via la nuova tornata di Smart&Start Italia, programma di sostentamento per promuovere la nascita e lo sviluppo di startup innovative.

Il fondo disponibile ammonta a 90 milioni di euro da destinare al finanziamento di piani d’impresa dall’importo compreso tra 100.000 e 1.500.000 euro: il cui obiettivo è quello di sostenere la crescita e lo sviluppo delle startup innovative il cui obiettivo è la produzione di beni o l’erogazione di servizi ad alto contenuto tecnologico: dall’economia digitale alla blockchain, dall’intelligenza artificiale alla Internet of Thingssu.

La misura agevolativa è riservata alle startup innovative, localizzate su tutto il territorio nazionale, iscritte nell’apposita sezione speciale del registro imprese e in possesso dei requisiti di cui all’articolo 25 del decreto-legge n. 179/2012. Le startup devono essere costituite da non più di 60 mesi alla data di presentazione della domanda e devono essere classificabili di piccola dimensione.

Le richieste potranno partire dal 20 gennaio 2020 tramite Invitalia, soggetto gestore dell’intervento.

Novità e spese finanziate

Tra le novità della nuova edizione le spese rendicontabili che il programma prevede:

  • immobilizzazioni materiali quali impianti, macchinari e attrezzature tecnologici, ovvero tecnico-scientifici, nuovi di fabbrica, purché coerenti e funzionali all’attività d’impresa;
  • immobilizzazioni immateriali necessarie all’attività oggetto dell’iniziativa agevolata, quali brevetti, marchi e licenze, certificazioni, know-how e conoscenze tecniche, anche non brevettate, correlate alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa;
  • servizi funzionali alla realizzazione del piano d’impresa, direttamente correlati alle esigenze produttive dell’impresa (progettazione, sviluppo, personalizzazione e collaudo di soluzioni architetturali informatiche e di impianti tecnologici produttivi, consulenze specialistiche tecnologiche, servizi forniti da incubatori e acceleratori d’impresa e quelli relativi al marketing ed al web-marketing, costi connessi alle collaborazioni instaurate con organismi di ricerca ai fini della realizzazione del piano d’impresa);
  • personale dipendente e collaboratori a qualsiasi titolo aventi i requisiti indicati […], nella misura in cui sono impiegati funzionalmente nella realizzazione del piano d’impresa.

Inoltre sono previsti finanziamenti agevolati e servizi di tutoraggio per le società costituite da non più di 12 mesi con limiti ben precisi e con ricadute differenziate in base alla regione nella quale ha sede la startup.

Fonte https://www.mise.gov.it/index.php/it/normativa/circolari-note-direttive-e-atti-di-indirizzo/2040599-circolare-direttoriale-16-dicembre-2019-n-439196-smart-start-italia-nuova-disciplina

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito potrebbe far uso di cookie – anche di terze parti – per offrirti una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull’uso del sito. Potrai conferire o revocare il tuo consenso in qualsiasi momento. Informazioni dettagliate sull’uso dei cookie sono reperibili qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi